Uncategorized

O come OMEGA3

La Sarda

è un pesce azzurro di estremo interesse per la pesca professionale, viene catturata in grande quantità nei paesi del mar Mediterraneo, con reti da circuizione, con reti a strascico e soprattutto con le lampare ( grandi lampade presenti sulle barche).

Non viene pescata con le lenze perché non abbocca mai agli ami.

In Italia le sardine vengono pescate nell’Adriatico.
Le sarde pescate in primavera sono quelle più apprezzate, ma la sua pesca è praticata tutti i mesi dell’anno.

Le carni della sardina sono ottime, saporite e gustose, ma devono essere consumate fresche, perché è un pesce facilmente deperibile. Inoltre sono ricche di Omega 3 e di sali minerali come il potassio.

Al momento dell’acquisto, al Mercato o in Pescheria la sarda si deve presentare rigida al tatto!!

Nella nostra cucina tradizionale, usiamo le sarde per farle in Saore, con la cipolla !!

Che profumooooo!!! E che bontà ma non solo….

Inoltre le sarde le facciamo ripiene e fritte, e le serviamo come #Apetizer per dare un tocco innovativo rispettando la tradizionalità del prodotto !!

Una delle ricette tradizionali del nostro territorio sono le sarde sotto sale, usate per fare i famosi Bigoli in Salsa: superlativi!!!

“Un vecchio racconto narrava che per fare questa ricetta, le Sarde appena pescate venivano messe a strati,in un contenitore di latta, alternate ad un abbondante strato di sale; arrivati a livello del contenitore,venivano chiuse con un coperchio e ci venivano appoggiati dei pesi , per far sì che il tutto venisse ben pressato e per fare in modo che i liquidi uscissero in superficie: dovevano rimane così almeno per 90 giorni in un luogo buio, ricordandosi di scolare i liquidi che venivano in superficie !!
Trascorso il tempo, le sarde venivano liberate pulite e sciacquate, poi messe in un vasetto di vetro con l’olio per conservarle!”

PROVARE PER CREDERE‼️‼️

Natale e Santo Stefano 2019

Antipasti

– Antipastone Ocaro (Insalata di mare, Gamberone al guanciale, Soppressa di polipo artigianale, Canestrelli, Branzino in insalata);

– Bianchetti in saore;

– Tonno affumicato servito con burro salato, confettura artigianale e crostini dorati. 

Antipasti caldi

– Baccalà in umido con perle croccanti di polenta servito su pasta filo;

– Saccottino con rana pescatrice, verdurine di stagione e pecorino.

Bis di primi

– Cappellacci verdi ripieni di San Pietro e ricotta saltati con burro e salvia;

– Gnocchetti con bieta, tonno fresco e scamorza affumicata.

Secondo

– Grigliata mista di pesce dell’Adriatico servita con verdure pastellate.

Assaggio dei dolci della casa

 

Costo: 60 euro

Posti limitati

 

Prenota ora

Inviando il tuo messaggio accetti le condizioni della nostra Privacy Policy.

 

Condividi con gli amici

Scroll to top